DiavoloRosso

Cultura – Spettacolo – Solidarietà / prenotazioni 3385400518 / 3477935323

In breve

DIAVOLO ROSSO di Asti è una associazione senza scopo di lucro che offre spettacolo, arti e cultura stando sul mercato e destinando gli utili a nuove attività e a progetti di solidarietà

In attività dal 2010, con la pubblicazione di Espresso e L’Album di Natale la band ha saputo farsi conoscere e apprezzare, incontrando un favore crescente di pubblico e critica locali. Complice di questo successo un’intensa attività live che l’ha portata a suonare in tutti i principali club delle province di Cuneo e Torino e a condividere il palco con decine di gruppi più e meno noti (Punkreas, Nadàr Solo, Fratelli di Soledad, The Slaiver, Kaleidoscopic, Cibo, Ruggine, What a Funk?!, Cani Sciorrì, Deian e lorsoglabro e altri). La release di Ammazzacaffè, il primo full-length – uscito il 2 aprile 2014, prodotto in collaborazione con Scatti Vorticosi Records, Tanto di Cappello Records e Vollmer Industries e registrato, mixato e masterizzato al Mam Recording Studio da Riccardo Parravicini – ha esteso ulteriormente la risonanza della band e il tour per la sua promozione ha contribuito a consolidarne il credito nell’underground cuneese e ad aumentare anche al di fuori della Granda l’interesse nei confronti del gruppo (da segnalare un live con Bologna Violenta e Surgical Beat Bros a Lucca, uno in apertura a I Ministri al Nuvolari di Cuneo e concerti a Brescia, Bergamo, Genova, Savona, Imperia, ecc.). Il 29 aprile 2016 La Macabra Moka è stata inoltre nominata Best Arezzo Wave band Piemonte 2016, dopo aver vinto la finale di Arezzo Wave band Piemonte / Stati Generali del Rock allo Spazio 211 di Torino. Mercoledì 22 marzo è uscito Tubo Catodico, il secondo album in studio, prodotto in collaborazione con Brigante Records & Productions, Dischi Bervisti, DreaminGorilla Records, Scatti Vorticosi Records, Tanto di Cappello Records e Vollmer Industries, registrato al Mam Recording Studio da Fabrizio Barale, mixato da Stefano Genta e masterizzato a La Maestà Studio da Giovanni Versari. Dieci nuove canzoni che mantengono tutto il tiro dell’album d’esordio, pur sommando alle sonorità rock, stoner e hardcore una maggior disparità ritmica à la post-rock e una sottile vena pop. Da aprile la band è impegnata in un tour per la promozione del disco che ha già fatto tappa a Torino, Cuneo, Brescia, Imperia, La Spezia, Arezzo, Asti, Massa, Como, Monza, passerà da Trento, Fermo, Brindisi, Potenza, Teramo, Prato, ecc. e proseguirà anche dopo l’estate almeno fino al 2018.

Leave a Reply