DiavoloRosso

Cultura – Spettacolo – Solidarietà / prenotazioni 3385400518 / 3477935323

In breve

DIAVOLO ROSSO di Asti è una associazione senza scopo di lucro che offre spettacolo, arti e cultura stando sul mercato e destinando gli utili a nuove attività e a progetti di solidarietà

Saba Anglana, cantante, attrice e autrice, presenterà al Diavolo Rosso il suo nuovo lavoro “Zarraf!” lavoro che narra di viaggi, incontri, pace e ricerca delle proprie origini
Nata a Mogadiscio, da mamma etiope e padre italiano, si laurea in Storia dell’Arte, si occupa di tecniche di restauro, lavora nell’ambito dell’editoria e della comunicazione.
Parallelamente si occupa di spettacolo, lavorando come attrice in produzioni teatrali e televisive, sviluppando progetti discografici in ambito internazionale.
Tra il 2007 e il 2008 esce in tutto il mondo per l’etichetta inglese World Music Network di Phil Stanton il suo album di debutto “Jidka (The Line)”, ispirato al contatto tra le varie culture di cui Saba è figlia. Il disco, di cui è anche autrice, riscuote un ottimo riscontro di pubblico e di critica tanto da comparire con i suoi brani in importanti raccolte di musica di cantanti del calibro di Sally Niolo e Miriam Makeba.
Tra il 2008 e il 2009 Saba porta in tutta Italia il suo concerto articolato tra canto e parola, musica e narrazione, accompagnata da una carismatica band internazionale: Martino Roberts (basso) Cheikh Fall (kora, djembè) Tatè Nsongan (chitarra, percussioni).
L’artista offre la magica alchimia del suo spettacolo in prestigiosi contesti come l’ Earth Day di Nat Geo Music, a fianco di Cesaria Evora, sul prestigioso main stage all’Italia Love Wave Festival , l’Auditorium Flog di Firenze per il Festival Musica dei Popoli o il Festival Internazionale di Hammamet.
Nel 2009 Saba ed il produttore, co-autore delle musiche, Fabio Barovero, incontrano ad Addis Ababa musicisti tradizionali e contemporanei: una ricerca musicale sul campo nella capitale etiope, dove convergono un po’ tutti gli stili musicali del Corno d’ Africa.
Qui si sono effettuate le registrazioni con sessioni e appunti, come quelle con Endale Abate, Belay Alemayehu, Binyam Berhanu ed altri musicisti con strumenti tipici della cultura etiopica come il krar, masinko, washinti, sax.
Questi contributi fanno parte dell’effervescente melting pot sonoro, di lingue e di culture che costituiscono il nuovo album di Saba, “Biyo”, registrato anche con il solido contributo dei musicisti che l’accompagnano dal vivo.
Il titolo dell’Album è una parola che rimanda al termine greco Bios, cioè Vita, ma che in somalo, la lingua della terra natale di Saba, indica con significativa attinenza l’ ACQUA.
Il tema dell’acqua come risorsa in assoluto più importante per l’uomo, è infatti il perno attorno a cui ruota tutto il progetto discografico, pubblicato e distribuito da marzo 2010 in Italia con l’entusiasta appoggio di Egea Music.

Leave a Reply