DiavoloRosso

Cultura – Spettacolo – Solidarietà / prenotazioni 3385400518 / 3477935323

In breve

DIAVOLO ROSSO di Asti è una associazione senza scopo di lucro che offre spettacolo, arti e cultura stando sul mercato e destinando gli utili a nuove attività e a progetti di solidarietà

Il tour di presentazione de “I MASOCHISTI”, il fortunato esordio discografico di Roberto Sburlati in arte Losburla, fa tappa ad Asti, in una location tutt’altro che sconosciuta per il nostro.

Roberto Sburlati, classe 1981, nato e cresciuto in un piccolo paese della provincia di Asti è trapiantato a Torino da 10 anni circa. Da adolescente, al basso elettrico iniziano le prime esperienze di band, pressappoco simili agli esordi musicali di tutti gli adolescenti dell’epoca: prove infinite in garage, pomeriggi passati ad attaccare i cartoni delle uova al muro convinti potessero servire ad insonorizzare la stanza, registrazioni in presa diretta su stereo a pile con risultati agghiaccianti e così via. Col tempo si dedica sempre di più alla musica, suona in una miriade di band di generi e stili diversi, inizia a scrivere brani, compra dischi a palate, scopre i Pink Floyd, the Doors, David Bowie, e poi De Andrè, De Gregori, Guccini, e poi i Joy Division, i Queens of the Stone Age, Nick Cave ed un sacco di altre cose sublimi. Una volta laureato in Scienze Politiche decide di investire il suo tempo e le sue energie nel settore della musica, scelta lungimirante vista l’enorme crescita che il mercato musicale ha avuto in questi ultimi anni. La sua carriera di musicista a partire dal 2003 è indissolubilmente legata a quella dell’amico e collega Marco Notari: bassista dei Madam, collabora infatti agli arrangiamenti in studio per i tre dischi di Notari e suona dal vivo in più di 300 concerti tra club e festival in tutta Italia dal 2006 a oggi. Dal 2009 è responsabile dell’area booking di Libellula Music, e direttore artistico della rassegna Indi(e)avolato. “I Masochisti” è il suo primo disco solista.

Losburla sarà come sempre accompagnato da Nicolas Joseph Roncea, Massimo Lorenzon e Andrea Bergesio.

Leave a Reply