DiavoloRosso

Cultura – Spettacolo – Solidarietà / prenotazioni 3385400518 / 3477935323

In breve

DIAVOLO ROSSO di Asti è una associazione senza scopo di lucro che offre spettacolo, arti e cultura stando sul mercato e destinando gli utili a nuove attività e a progetti di solidarietà

C’era una volta, non molto tempo fa, e forse neanche così lontano da dove si vive ora, una profonda verde foresta, dove vivevano molti animali. Vivevano in relativa armonia, tranne quando un animale veniva mangiato da un altro animale come talvolta accade in una profonda verde  foresta. Questa è la storia della vita e della morte, e la continuazione della vita; il ciclo naturale delle cose, come sono e come sono destinate ad
essere.
Un giorno, un incendio infuriò nella profonda verde foresta.
Tutti gli animali fuggivano o prendevano il volo per cercare di salvarsi dall’inferno. Durante la fuga si disperavano al pensiero di quello che stavano lasciando dietro di sé: la loro unica casa. Raggiunta una distanza di sicurezza alcuni animali si fermarono a guardare il furioso incendio, e notarono una piccola macchia di rosso nel cielo azzurro, che andava avanti e indietro, da un chiaro fresco lago, alla profonda verde foresta in fiamme. Chi era? Era il colibrì dalla gola rossa. Nel suo becco trasportava poche gocce d’acqua per cercare di fermare il fuoco.
Volava avanti e indietro, avanti e indietro, avanti e indietro di nuovo. Gli animali erano stupiti e guardavano increduli il volo del colibrì dalla gola rossa.
Il leone ruggì: “Colibrì dalla gola rossa, cosa pensi di fare lassù con poche gocce d’acqua?”
Per nulla scoraggiato il piccolo colibrì dalla gola rossa rispose:
“Sto facendo quello che posso.”

Wangari Muta Maathai (1940-2011)
Premio Nobel per la Pace nel 2004 per il suo impegno a favore dello sviluppo sostenibile, della democrazia e della pace. Fermamente
convinta nel portare avanti una campagna per la conservazione dell’ambiente e il buon governo ha piantato attraverso il Kenya’s
Green Belt Movement, circa 40 milioni di alberi in tutta l’Africa.
Piantiamo qui un albero per ricordarla.

Leave a Reply